Festa dei vicini al ritmo dei tamburi!

La documentazione fotografica è stata realizzata da Davide Novelli, un fotografo “vicino”.

Per questa edizione della Festa dei Vicini abbiamo messo insieme tutte le forze!

La solita energia contagiosa e l’organizzazione di Vicolo Grosso, il ponte comunicazione del gruppo di vicinato Da Margherita a Dora passando per Oddone e il grandissimo aiuto dello Spazio Neruda, arrivato in soccorso con tavolo, camioncino e giochi di strada sono stati gli ingredienti per una cena condivisa che ci ha riportato gioiosamente (e finalmente) a stare insieme nel nostro spazio pubblico.

Un luogo speciale, quello dei giardini di Via Masserano, di cui vogliamo prenderci cura il prossimo anno, per assicurare un ambiente piacevole e protetto per le bambine e i bambini del nostro quartiere, ma anche per gli adulti! Ecco perché abbiamo coinvolto tutte e tutti nella redazione della mappa di comunità che ci servirà come lista dei desideri di chi abita a Valdocco e sarà utile per capire come possiamo migliorare insieme la qualità della vita.

Per questo intenso inverno di attività avevamo, quindi, bisogno di una gran spinta e così abbiamo assorbito tutta la carica della lezione aperta del gruppo di Danza Afro “Les Dansefoli”*, che ha travolto la comunità in un momento di ballo con l’accompagnamento dal vivo dei tamburi.

Infine, ci siamo lasciati con la promessa di un momento di canto condiviso con Stefania Di Cammarata, che intanto è stata una delle animatrici di Musica alla Spina, il festival di musica promosso da l’Istituto Comprensivo Regio Parco, Cantabile, Orme in collaborazione con Vicolo Grosso, sul palco realizzato grazie al patto di collaborazione che ha coinvolto anche il gruppo di vicinato Da Margherita a Dora passando per Oddone.

Vi aspettiamo il 4 ottobre alla prossima riunione di redazione per decidere come dare seguito a questa rinnovata voglia di costruire insieme!

* Le lezioni di danze afro si tengono regolarmente all’interno della scuola De Amicis una volta a settimana. Contattare la redazione per ulteriori informazioni.

Torna la Festa dei Vicini!!!

🎊 Festa dei Vicini di Valdocco

𝟭𝟬 𝘀𝗲𝘁𝘁𝗲𝗺𝗯𝗿𝗲

𝗗𝗮𝗹𝗹𝗲 𝗵 𝟭𝟴 𝗮𝗶 𝗴𝗶𝗮𝗿𝗱𝗶𝗻𝗶 𝗱𝗶 𝘃𝗶𝗮 𝗠𝗮𝘀𝘀𝗲𝗿𝗮𝗻𝗼

In vista del nuovo programma di attività dei Giardini di Via Masserano, la tradizionale cena di vicinato, in collaborazione con il Comune di Torino, quest’anno si sposta davanti alla Scuola De Amicis.

‼️ Troverete la redazione di quartiere da un’ora prima per i preparativi e per iniziare a raccontarvi cosa vorremmo realizzare in questo angolo di Valdocco.

Invitiamo tutte e tutti a portare le proprie stoviglie per evitare il consumo di plastica, tavoli da campeggio e qualche candela.

🥘 Naturalmente via libera alla creatività da fornello! Sbizzarritevi nei vostri piatti forti e lasciateci la ricetta da condividere sulle pagine del blog.

Su proposta degli abitanti del quartiere, non mancheranno dei momenti di :

🌷Laboratorio di canto corale per adulti e bambini

🌷Lezione aperta di danza afro

🌷 Bookcrossing con il bookclub Teste di Medusa (portate un libro da scambiare)

🌷Giochi all’aperto

🌷 Mappa di comunità

🌷Foto e video

Se non volete perdervi più nulla, basta iscriversi alla nostra

NEWSLETTER http://eepurl.com/h-fDL9 

con cui vi terremo aggiornati su tutte le iniziative, le storie degli abitanti del quartiere e il modo per vivere al meglio i luoghi che attraversiamo ogni giorno!

La festa è organizzata in collaborazione con Da Margherita a Dora passando da OddoneVicolo Grosso e Le famiglie dello Spazio popolare Neruda

Festa di quartiere allo Spazio Neruda

Corso Ciriè si è ripopolato di attività in occasione della Festa di Quartiere organizzata dalle Famiglie dello Spazio Popolare Neruda.

Il viale alberato si è riempito di sport, creatività, giochi di strada, la musica di Radio Blackout e la possibilità di condividere insieme uno spuntino. Ecco come vorremmo vivere questo angolo di città condividendo e incontrandoci all’ombra degli alberi che ci riparano dal gran caldo di questa estate.

Alla festa, noi di Approdo a Valdocco, abbiamo presentato anche la “Mappa di comunità”, un tableau su cui gli abitanti hanno indicato i luoghi di Valdocco che frequentano di più, quelli che hanno nel cuore, dove si incontrano, di cui conoscono le storie o quelli che vorrebbero cambiare.

La Mappa verrà ampliata anche durante la Festa dei Vicini in programma per il 10 settembre ai giardinetti di Via Masserano. Ci vediamo lì!

Mappa di Comunità

https://www.facebook.com/spNeruda/ Festa d’estate in corso Ciriè 9 luglio 2022.

Festa dei Vicini 10 settembre 2022 -(evento coming soon)

Due appuntamenti per incontrarci ed iniziare a raccontare, attraverso una mappa di comunità, il nostro quartiere.

Un modo partecipato che parte da dentro per aprire le porte a chi passa di qui, a chi è nuovo o è curioso. Creare una mappa partendo dai cittadini vuol dire raccontare il proprio vissuto, condividere le memorie, sentirsi parte di una comunità, valorizzare le differenze…..immaginare un futuro.

Anche Leggermente Torino approda a Valdocco

Foto Marzia Allietta

Leggermente Torino è un progetto di promozione della lettura avviato da Fondazione Cascina Roccafranca, in collaborazione con le Biblioteche Civiche Torinesi, la Biblioteca Civica Villa Amoretti e la Libreria Gulliver. Mette in dialogo gli autori e le autrici con il loro pubblico in una serie di incontri lungo tutto l’anno.

Quest’anno l’iniziativa si è estesa a tutta la Rete delle Case del Quartiere. Il Cecchi Point si è gemellato al gruppo di lettura Teste di Medusa, che si riunisce da 5 anni nel nostro quartiere a Portmanteau.

Foto Marzia Allietta

Il primo appuntamento del 5 febbraio 2022 ha visto il quartiere protagonista con un reading itinerante con Francesco La Rocca, autore di Interno Corte, Gallucci Editore, illustrazioni di Moisi Guga.

Foto Marzia Allietta

Dalla Biblioteca Civica Italo Calvino, abbiamo passeggiato fino a St’Orto, il giardino di comunità con attività per bambini recuperato da Fondazione Fuoridipalazzo, passando per Portmanteau con uno dei tipici cortili di ringhiera.

Proprio un palazzo di ringhiera è il protagonista del libro, con due scale principali, diciotto appartamenti e le vite degli inquilini che si snodano una dopo l’altra. Interno Corte è la storia di un’assemblea condominiale, ma anche della varia umanità con cui conviviamo e in cui possiamo riconoscersi.

L’incontro si è concluso con la presentazione all’interno della biblioteca.

Francesco La Rocca ha studiato Diritti Umani e lavora nel sociale. È autore del podcast Le Perifantaferie.

Prossimo appuntamento

Leggermente incontra 𝗣𝗲𝗿𝗰𝘆 𝗕𝗲𝗿𝘁𝗼𝗹𝗶𝗻𝗶

per parlare del suo libro

𝘿𝙖 𝙨𝙤𝙡𝙖
𝗗𝗶𝗮𝗯𝗼𝗹𝗼 𝗘𝗱𝗶𝘇𝗶𝗼𝗻𝗶
𝗖𝗮𝘀𝗮 𝗱𝗲𝗹 𝗾𝘂𝗮𝗿𝘁𝗶𝗲𝗿𝗲 𝗖𝗲𝗰𝗰𝗵𝗶 𝗣𝗼𝗶𝗻𝘁

con il gruppo di lettura 𝗧𝗲𝘀𝘁𝗲 𝗱𝗶 𝗠𝗲𝗱𝘂𝘀𝗮 e il gruppo 𝗦𝗶𝘀𝘁𝗮𝗿 in collaborazione con 𝗣𝗼𝗿𝘁𝗺𝗮𝗻𝘁𝗲𝗮𝘂

Per maggiori informazioni

https://bct.comune.torino.it/sedi-orari/italo-calvino

https://medium.com/teste-di-medusa

http://www.cecchipoint.it/

I Graphic Days approdano a Valdocco!

GRAPHIC DAY IN THE CITY

A VALDOCCO: Venerdì 17 settembre h 17,30 m- 19,30
Scuola Primaria De Amicis, via Masserano 4

GRAPHIC DAYS è un calendario di eventi gratuiti diffusi in città (dal 16 al 26 settembre) che copre dieci giorni di iniziative dedicate al visual design. La nuova edizione del festival prevede mostre, performance, attività esperienziali e workshop all’interno dello spazio di Toolbox Coworking, sede principale, e numerosi eventi diffusi sul territorio cittadino.

Durante la giornata del 17 settembre si alterneranno conferenze, mostre e workshop dedicati alle arti visive, attraverso il coinvolgimento di diverse realtà curatoriali e attori di ambiti affini e non, con l’intento di favorire processi virtuosi di contaminazione tra idee e competenze.

Eterogenee e numerose le location: sedi auliche e spazi informali, luoghi generalmente non accessibili al pubblico o inaspettati, come le vetrine di uno studio di design o i cortili inesplorati cittadini.

LA CITTÀ INVISIBILE. STORIE IMMAGINARIE DI QUARTIERI REALI è l’appuntamento a cura di Cecilia Campironi, Nicoletta Daldanise e Paola Fagnola

in collaborazione con il blog “Approdo a Valdocco”

Il workshop prende spunto dal pamphlet “La contrada dei bisbigli”, ideato nella forma di libro-mappa da Cecilia Campironi e Nicoletta Daldanise, come parte dell’iniziativa promossa da Bottega Fagnola, “La città invisibile”, per rendere omaggio ai quartieri di Torino. Il volume, in edizione limitata, ripercorre un isolato della Contrada dei Guardinfanti in chiave immaginaria. Il laboratorio de La città invisibile unirà alla scrittura tecniche artistiche e di legatoria. La narrazione prenderà spunto in prima battuta dall’osservazione del quartiere e dalla raccolta delle storie dei suoi abitanti, per poi rielaborare un percorso di attraversamento urbano a metà tra realtà e fantasia.

La serie di libri-mappa, realizzati dai partecipanti al workshop, diventeranno così una fanzine con cui accompagnare le famiglie e altri cittadini alla caccia di dettagli insoliti nel reticolato urbano o magari verso l’inizio di una nuova storia.

#GDinthecity#graphicdaystorino #graphicgang

CLICCA QUI per il programma

paragrafo 8

(Autore: Daniele)

Ora non è proprio il momento, Rosy in questo caso non sarebbe d’aiuto. Quindi, con fare da agente segreto, cerco di non farmi vedere, anche se questo comportamento mi fa quasi notare di più nella folla.

 Rosy comunque per mia fortuna non mi nota, anzi sembra completamente distaccata da ciò che ha intorno, è concentrata su qualcosa che ha in mano, anche se non riesco a capire cos’è.

Vabbè ho altro a cui pensare. Passo Strada Del Fortino ed il ponte che ne viene dopo, continuo per Via Cigna ed arrivo in Corso Novara.

Casa di Ricky è dall’altra parte della strada, di fronte ad un’area abbandonata, che ora, con il tramonto alle porte, ha un nonsoché di spettrale.

Attraverso il corso e arrivo al suo portone. Suono, ma non risponde nessuno.

”Sono le sei passate, per quale motivo a casa non c’è nessuno?”

Suono un’altra volta, ma continua a non esserci una risposta.

“Ora ricordo, il citofono è rotto, me lo aveva detto anche l’ultima volta che ero andata da lui”. Allora provo a richiamarlo. Continua ad esserci la segreteria, ed io comincio ad essere irrequieta.

“Forse dovrei chiamare la polizia”, penso, “ma se Ricky centrasse con questa storia dell’uovo, non credo che la polizia potrebbe fare qualcosa, dato che si parla comunque di magia”.

Presa da uno scatto di pazzia, mi arrampico sul muro e cerco di arrivare al balcone: lui abita al primo piano, entrare in casa è fattibile. Con un’abilità uscita da chissà dove, riesco abbastanza facilmente a salire sul suo balcone.

La portafinestra è già aperta.

L’ansia mi sale sempre di più. Un telefono sul tavolo squilla. Mi accorgo di non aver staccato la chiamata: quello deve essere il suo telefono.

In casa ovviamente non c’è nessuno, quindi mi precipito nella stanza di Ricky.

Non è tutta soqquadro come nel mio sogno, ma il quadro di Topolino è per terra ed il buco nel muro… quello c’è.

Qualcosa nell’ombra sbrilluccica, mi avvicino e mi accorgo che è una squama. L’uovo deve essere passato per forza da lì !

Per terra poi, vedo un pezzo di tessuto che spunta da sotto il quadro. Con mia grande sorpresa è il cappello di Rosy!

LA SCELTA DA COMPIERE:

scelta 13:

Chiamo Rosy e le chiedo spiegazioni riguardo a questa storia e…

Vai al paragrafo 13

oppure: torna indietro